“Siamo solo all’alba (e) un secolo non basterà” – Intervista a Masei Dicoccio

Pubblichiamo la nostra intervista a Masei Dicocciomembro della redazione di Giubberosse

1- Partiamo dall’attualità, guerra in Ucraina, il tavolo del negoziato: trattativa reale o diversivo?

1- Dipende da che livello si analizza, devi immaginare la situazione come un gigantesco millefoglie, strati sopra strati sopra altri strati e un bel po’ di ripieno in mezzo. Le trattative sono necessarie per alcuni scopi soltanto, sono necessarie a mantenere un aspetto di “confronto” anche se non esiste confronto visto che stiamo parlando di un gigante che si misura con una bambina. Le trattative serviranno se verrà mantenuto un ruolo per Zelensky una volta usciti dal contingente e se l’Ucraina manterrà una sua qualche integrità, altrimenti saranno state soltanto “intrattenimento”.

2- Che soluzioni giudichi verosimile per il conflitto? Come mediare tra i due contendenti?

2- Primo dobbiamo stabilire che non ci sono due contendenti, almeno non nella forma che ci appare. Credo che il conflitto si risolverà in qualche modo quando non sarà più necessario agli scopi per cui è stato generato, e cioè quando lo strappo tra Europa e Russia sarà diventato abbastanza ampio e l’economia europea abbastanza distrutta da permettere la ricolonizzazione dell’areale da parte di altre forze. Lo so, ho condensato quello su cui si potrebbe scrivere un libro in una frase ed è quindi di non facile comprensione.

3- L’Organizzazione di Shangai evolverà verso qualcosa di più strutturato? Arriverà un momento in cui sarà assimilabile a NATO o UE, o la grande varietà dei membri potrebbe impedire il salto?

3- Diciamo che i semi ci sono tutti, il progetto BRI, come la collaborazione lungo l’asse nord-sud dell’Asia stanno facendo passi da gigante, il CSTO è già un fatto concreto e, per adesso in piccolo, anche la Cina sta stringendo accordi di supporto militare con i paesi che la circondano. Credo che nel complesso il processo sia inarrestabile, la velocità con cui si realizzerà è tutt’altra storia e dipende da un numero di fattori esageratamente grande. Comunque, siamo solo all’alba, prima di arrivare al mezzogiorno passerà un bel po’ di tempo. (Non sono d’accordo con Mahbubani che definisce questo il secolo asiatico, un secolo non basterà a strutturare l’isola-mondo)

4- Parlando di economia, quali saranno gli effetti su quella italiana ed europea delle sanzioni e del conflitto?

Che le sanzioni sono un clamoroso boomerang ormai credo sia palese a tutti, il nostro è un continente di trasformatori, non abbiamo risorse nostre da sfruttare, senza la “collaborazione” forzosa o meno dei paesi detentori delle materie prime siamo destinati a soccombere. Nel breve periodo sarà un bagno di sangue, ma c’è una piccola speranza: oltre a quanto già detto noi siamo anche la “memoria storica” dell’umanità e questo è qualcosa che non può essere distrutto, alla fine chiunque vorrà dominare dovrà fare riferimento a noi almeno per quel tipo di “sapere”.

5- Ci avviciniamo alla fine dell’era del dollaro?

Si, questa è forse la mia unica certezza e, data la mia età, forse anche l’unica cosa che sono certo riuscirò a vedere, Ma non sarà solo la fine del dollaro ma anche la fine della moneta fiat come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi.

6- Che ruolo stanno avendo gli Stati Uniti e il Regno Unito in Ucraina? A che scopo?

Scartiamo subito il Regno Unito che nel contesto globale ormai è solo la ruota di scorta del sistema anglo-americano, gli Stati Uniti hanno usato l’Ucraina come chiave per innescare questo corso di eventi come era destino che fosse (ne scrive già Brzezinski negli anni ’90). La scaricheranno quando non servirà più al loro scopo. Gli scopi possono essere molteplici, quello più evidente è la volontà di separare la Russia dall’Europa e di isolare quest’ultima in chiave anticinese. Ma come ho accennato sopra potrebbe anche essere una manovra per scaricare il riallineamento economico-finanziario globale in maggior quota sull’Europa che non sugli Stati Uniti.

7- Caucaso: Georgia e Azerbaigian si stanno spostando verso l’Occidente? Che ruolo hanno Turchia e Israele nella regione? Ci sono altri attori di cui vuoi parlarci?

Il Caucaso insieme all’Afghanistan è il grosso nodo da sciogliere per qualunque soluzione si voglia adottare in termini di Eurasia. Ci giocano gli interessi di tutti, è la strettoia nella valle dove scorre il flusso che va nelle due direzioni da oriente a occidente, sarà l’ultimo dei luoghi ad essere pacificato. Nello specifico l’Azerbajian ha una politica simile a quella tenuta dalla Bielorussia nei primi anni 2000, strizza un occhio a turchi e israeliani ma è ancora attaccato al cordone ombelicale della Russia. La Turchia, essendo uno dei possibili terminal del percorso che va da Amsterdam a Pechino, cerca di ritagliarsi una sua piccola area di egemonia. La questione Caucaso è in assoluto la più complessa e meno leggibile di tutte.

8- Quale partito politico ha la capacità di barcamenare il nostro paese nell’odierna situazione? Chi ha la bussola di dove sta andando il mondo oggi in Italia?

Premesso che dal crollo della Prima Repubblica l’Italia ha maturato una classe politica di lacchè esecutori di ordini provenienti dall’esterno senza il minimo senso dello stato, direi che nessun partito è in grado ne di governare il paese ne di dargli un qualunque orientamento autonomo pur rimanendo in ambito di sovranità condizionata. L’unica cosa che vedo è qualche personaggio, e si tratta in maggioranza più di “animali politici” che non di “statisti”, che ha almeno una parziale percezione della realtà e un approccio minimamente originale. Da non credere che tra questi ci sia proprio uno come Renzi. Nella catastrofe riusciamo a mantenere soltanto qualche buon tecnico.

Ho risposto brevemente, ma sono tutte domande la cui risposta esaustiva comporterebbe ore e ore di riflessione, oppure migliaia di pagine di scritti.

Il futuro, la Cina, la NATO e l’Italia

L’Occidente affonda nel debito e la Cina continua a produrre beni di ogni tipo che esporta.

I media occidentali annunciano il prossimo tracollo dell’economia cinese ormai da anni e ogni anno vengono sonoramente smentiti. Il potenziale economico cinese è ancora enorme rispetto al livello raggiunto e la capacità dimostrata in innovazione e ricerca scientifica dal dragone promette ulteriori balzi al momento nemmeno immaginabili.

Nei giorni passati: la Cina ha raggiunto un nuovo record nell’ambito della fusione nucleare; prodotto una pellicola isolante totalmente organica e biodegradabile in grado di soppiantare la plastica; attivato un computer quantistico più potente di quello di Google che fino ad allora deteneva il record mondiale di potenza di calcolo.

Questi sono solo tre piccoli risultati ottenuti dagli scienziati cinesi che lasciano intendere l’enorme potenziale tecnologico.

Tutto queste mentre l’Unione Europea e gli Stati Uniti affannano. La crisi demografica (in particolare l’invecchiamento della popolazione) colpisce egualmente UE e USA, tanto quanto Russia e Cina, con la grande differenza che al momento la Cina ha un’economia in enorme crescita.

La Cina è diventata “la fabbrica del mondo” esportando beni in tutto il mondo. A lungo, in Occidente, si è usata questa espressione per fare riferimento a esportazioni di scarsa qualità, poco innovative e condannate a rimanere come merce di scarto.

Eppure, la Cina detiene ormai le chiavi della produzione globale e un mercato interno in espansione. La produzione è migliorata così da poter competere, anche in ambiti complessi, con i migliori marchi statunitensi e europei.

La Cina tiene le chiavi dell’economia mondiale, dicevamo, tutto questo mentre gli Stati Uniti annaspano in un debito esplosivo e vogliono tenere una politica imperiale sempre più costosa e che il peso delle armi non potrà continuare a garantire per sempre.

Il ritmo di importazioni degli Stati Uniti e dei loro alleati è insostenibile sul lungo periodo (forse medio), la deindustrializzazione ha reso l’Occidente dipendente dalle importazioni di paesi terzi, tutto questo mentre interi settori della popolazione occidentale vedono crollare il proprio tenore di vita.

Il castello del debito e quello delle importazioni non possono essere infiniti. Arriverà un momento in cui il dollaro andrà incontro a una spirale inflazionistica che porterà il debito americano a diventare de facto impagabile. L’economia di internet, del digitale e la flessibilità (precarietà) a tutti i costi non solo non ci hanno reso più liberi o competitivi, ma soprattutto hanno creato un sistema che si auto-sabota. Le fabbriche cinesi avranno il sopravvento e l’economia reale prevarrà sulla finanza.

Abbandonare l’attuale ordine mondiale neoliberista e filo-americano è l’unica possibilità concreta che i paesi europei hanno per non partecipare della catastrofe imminente.

La collaborazione con Cina e Russia per uscire dalla folle competizione tra stati e persone che è il capitalismo

L’Unione Europea si muove come braccio economico della NATO, nel farlo cerca di giocare sul doppio binario della partnership economica con la Cina e la Russia, pur restando saldamente ancorata militarmente agli Stati Uniti d’America.

Con una strategia non troppo segreta e neanche troppo pratica, l’Ue prova a continuare ad avere gas russo e accesso al mercato cinese, pur condannando quei paesi e le scelte politiche di quelle popolazioni. L’Unione Europea mostra l’uso strumentale di grandi ideali come la democrazia e i diritti umani, al solo scopo di espandere l’impero capitalista. L’aspettativa errata è che in nome di precedenti storici (dati forse dal passato colonialismo e dalla supremazia detenuta dal continente nei secoli passati) i paesi non europei, in particolare la Cina e l’Africa, siano costrette ad accettare le ingerenze politiche, le condanne politiche (spesso basate su propaganda occidentale) e a continuare a far fare buoni affari alle industrie e alle imprese europee. Una sorta di sudditanza morale dovrebbe costringere questi paesi a sottostare.

L’Unione Europea non valuta, invece, che il mondo è cambiato. Il paradigma post-industriale e il neoliberismo hanno distrutto il tessuto sociale dei paesi occidentali, impoverito intere generazioni e tolto fiducia nelle istituzioni; tutto questo mentre la crisi economica e quella ecologica fanno sentire tutto il loro peso. I paesi occidentali vivono molto al di sopra delle proprie possibilità e la concorrenza ad ogni costo, ha spostato il peso economico mondiale verso altri paesi detentori reali di materie prime o produttori di beni.

Mentre la Cina creava una rete di rapporti diplomatici, basati sulla parità e la collaborazione; le NATO ha passato gli ultimi tre decenni a inimicarsi un’intera parte di mondo (l’area arabo-islamica) bombardando l’Iraq nella Prima Guerra del Golfo; deteriorando i rapporti diplomatici con paesi come Siria, Sudan e Libia per decenni; bombardando e occupando l’Afghanistan; poi l’Iraq con le presunte armi di distruzioni di massa mai rinvenute; finanziando rivoluzioni colorate in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente; bombardando e facendo cadere nel caos la Libia; distruggendo lo stato siriano nel tentativo di allontanare i russi e facendo, quindi, sorgere l’ISIS; adottando una retorica su Islam e migrazioni nelle tv e nel dibattito politico para-fascista; tutto questo senza calcolare la linea politica su temi decennali come IsraelePalestina o l’Iran sciita.

Dopo il crollo del socialismo reale e dell’URSS, il nuovo avversario era l’Islam, ora spenti i riflettori dei media sulle religioni si torna a parlare di Russia e Cina come i grandi antagonisti. Questo è il dibattito pubblico occidentale, la grande proposta di futuro.

A dispetto della propaganda che ci mostra un futuro dove lavoreremo da casa, in famiglie felici, con bambini biondi che vanno a scuola a piedi in grandi vialoni soleggiati riparati da folti alberi verdi. Il capitalismo ci sta vendendo una società dove lavoreremo in modo intermittente e precario da casa, in case anguste che non possiamo permetterci di scaldare e in cui il lavoro via internet non ha alcuna tutela e o limitazione legale, come galline negli allevamenti intesivi lavoreremo al massimo del nostro potenziale; ben pochi potranno permettersi dei figli e avranno un’educazione sentimentale e una situazione economica che permetta la tanto attesa famigliola felice (le pubblicità non fanno altro che dirci che famiglia, casa e posto fisso sono una rottura di palle…), tutto questo mentre le nostre metropoli inquinate con alberi asfittici e cieli grigi, congestionate dal traffico di automobili e monopattini diventano sempre più invivibili, impersonali, al di fuori dello spazio e della storia, senza un passato e quindi senza un futuro.

In questa prospettiva solo la collaborazione con altri paesi, altri modelli e l’accettazione della pluralità ci permetterà di uscire dalla situazione in cui viviamo e in cui rischiamo di vivere in futuro. La Cina e la Russia sono i nostri naturali alleati in questa prospettiva fatta di emozioni ed aspettative tristi e in cui tutto il nostro immaginario ruota attorno a desideri manipolati e manipolabili.

Perché la Cina è un modello positivo a livello globale

La Repubblica Popolare Cinese rappresenta un modello di sviluppo positivo per il mondo, nonostante (e soprattutto per) la propaganda occidentale.

La Repubblica Popolare mostra a paesi non europei un modello di sviluppo alternativo a quello occidentale. L’area estremo orientale (Cina, Corea del Sud, Giappone, Singapore) mostra come una serie di caratteristiche permettano anche ai paesi non di cultura occidentale l’uscita dalla povertà e dal colonialismo culturale dell’OCSE.

Il Giappone, avendo sposato più di un secolo fa, tutte le soluzioni proposte dall’Occidente e utilizzato questo potenziale per diventare a sua volta potenza coloniale prima e durante la II Guerra Mondiale è in parte escluso da questa valutazione.

Ad oggi, la Cina mostra non solo un modello di sviluppo per i più poveri della Terra, ma anche una via di uscita al liberalismo occidentale che ammantandosi di parole come democrazie e diritti copre un sistema sociale ingiusto e sempre più chiuso su se stesso.

La Cina ci ricorda che, nonostante il nichilismo abbia preso a un certo punto il sopravvento nella storia di Europa (e derivati), questo non è accaduto in modo uniforme in tutto il mondo.

La storia non è finita nel 1994, come predicevano gli alfieri del liberalismo classico. La democrazia degli Stati Uniti d’America non è destinata a governare indiscussa tutto il mondo, il capitalismo e un certo rapporto con la natura e con la tecnica, con il corpo o con il sacro non saranno il destino comune di tutta l’umanità.

Dopo una grande ubriacatura ideologica collettiva ci siamo risvegliati in un mondo diverso, costruito sui debiti e sullo sfruttamento, in cui le generazioni successive vivranno peggio delle precedenti, in cui l’ecosistema non è più in grado di rimpiazzare le risorse che stiamo distruggendo voracemente.

La cultura del tutto e subito, la cultura della libertà data dal denaro (e solo da quello), la cultura del lavoro salariato e alienato, ha preso il sopravvento su settori sempre più grandi di popolazione europea e nordamericana, proprio mentre i media ci raccontavano un mondo fatto di conoscenza, fibra ottica, nomadi digitali. Ci spacciavano la libertà della new economy e si dimenticavano di dirci che sempre più persone restavano a casa senza un lavoro, senza un contratto, senza un posto fisso. Piano piano, tutto questo è stato fatto passare come noioso o non necessario, dimenticando di dire che l’essere umano è un animale gregario e che vive in comunità, che alleva i propri cuccioli per anni: che per vivere, essere sereni e prosperare abbiamo bisogno di certezze e organizzazione sociale, di libertà e creatività, ma anche di un gruppo coeso e che preveda degli strumenti di tutela sociale per tutti.

L’essere umano non è il capitalismo, l’essere umano non è la lotta e la sopravvivenza del più forte, questa è una mitologia spacciata dai ricchi negli ultimi cento anni come “verità”; l’essere umano è un animale cooperativo, gregario e sociale che cura i piccoli, gli ammalati, i deboli e gli anziani del gruppo. Questo ci rende felici e ci ha reso intelligenti evolutivamente.