La Cina e il futuro del mondo

Nessuno – men che meno io – può prevedere ciò che accadrà in futuro.

Negli anni ‘80, scrittori, giornalisti e politici statunitensi (e non solo) prevedevano il superamento del Giappone in ambito economico sugli Stati Uniti d’America.

La storia ci dimostra che quelle previsioni, all’epoca molto diffuse e tutto sommato ragionevoli erano errate, per una serie di motivi che nessuno poteva immaginare. Di lì a pochi anni il Giappone fu investito da una crisi economica che portò il paese a rallentare drasticamente i ritmi di crescita; mentre gli Stati Uniti d’America con l’arrivo dell’economia digitale vedevano crescere infinitamente le proprie prospettive. Il Giappone, pur avendo un potenziale enorme in ambito tecnologico e informatico, non riuscì a cogliere questo treno alla velocità con cui lo presero gli Stati Uniti. Fattori demografici, la fine della Guerra Fredda e una crisi monetaria che colpì tutta l’Asia Orientale fecero il resto.

La storia del Giappone (anche se non dobbiamo dimenticare che parliamo ancora di oggi di uno dei paesi più ricchi e avanzati del mondo) ci mostra chiaramente che non basta avere un grande potenziale e una popolazione preparata e laboriosa per ‘riuscire’.

Eppure, personalmente sono convinto che il caso cinese sia completamente diverso.

La Cina può contare su una serie di fattori differenti:

1- Il numero di abitanti, la Cina ha una popolazione maggiore a 1 miliardo di abitanti, il Giappone può contare poco più di 100 milioni di abitanti (gli USA possono oltre 329 milioni di abitanti).

2- Il potenziale economico del Giappone al momento del supposto superamento era già raggiunto. La Cina ha cominciato solo nell’ultima decade a non puntare più sull’export massimo, ma su qualità dei prodotti, innovazione, alta tecnologia e mercato interno. Il potenziale economico cinese è ben lontano dall’essere raggiunto.

3- La Cina sta esportando capitali in tutto il mondo, in modo molto più massivo rispetto al Giappone, associando anche un’azione diplomatica. Questo punto va idoneamente spiegato: non si intende dire che la Repubblica Popolare stia effettuando operazione neocoloniale (come suggerisce in cattiva fede la stampa occidentale), ma che la Cina non avendo perso la II Guerra Mondiale e non avendo truppe di occupazione sul proprio territorio (mentre il Giappone è costellato di basi statunitensi) può contare su una maggiore libertà di azione in politica estera e negli accordi. Facendo un esempio pratico, il prestito fatto dalla Cina a Trinidad e Tobago, a ottime condizioni per il contraente, non sarebbe stato nemmeno lontanamente immaginabile offerto dal Giappone. Il Giappone non avrebbe potuto in alcun modo sfidare l’egemonia economica USA o degli organi internazionali ad essa soggetti.

4- La Repubblica Popolare sta investendo in settori che rappresentano il futuro, spesso dettando la linea (esplorazione spaziale, fusione nucleare, energie verdi, computer quantistici); il Giappone in ambito tecnologico, non è certo un paese secondario, tuttavia, almeno all’apparenza la creatività non è il forte delle aziende nipponiche. Basti pensare a uno dei settori economici maggiormente in crescita oggi: i social. Nessun grande azienda mondiale di social è oggi giapponese o è stata creata in Giappone.

5- Il Giappone ha contro tanti stati indignati per le azioni del passato (cinesi, coreani, gli stessi statunitensi…); la Cina può perdere colpi per la propaganda avversa o per invidia, ma rispetto al tentativo di egemonizzare l’intero Estremo Oriente con bombardamenti, genocidi, esperimenti su esseri umani, stupri, rastrellamenti, campi di concentramento e massacri, il confronto in negativo non regge minimamente.

6- Le comunità cinesi d’oltremare sparse in tutta l’Asia Orientale, dal Vietnam a Singapore. Queste comunità sono rimaste in contatto con la madrepatria e oggi sono desiderose di contribuire al successo della Repubblica Popolare in ogni ambito. Questi cittadini spesso costituiscono dei ponti economici, commerciali e politici tra la Cina popolare e i governi dell’area.

7- Il socialismo di mercato cinese, rivelatosi allo stato attuale la vera sorpresa. Nonostante, in Occidente, si diffondesse negli anni ’90 la vulgata della morte del marxismo, ad oggi il socialismo in Oriente è più che mai vivo. Xi Jinping in un recente testo ha detto che il marxismo sta vincendo la competizione ideologica globale. Il sistema, coniugando il marxismo e il mercato, cerca di sviluppare il potenziale dei vari attori economici a vantaggio della comunità, ottenendo dei risultati impensabili tanto nel vecchio socialismo reale, quanto nelle società neoliberiste (soggette sì, a rapidi cicli di crescita, ma anche a brusche frenate e crisi monetarie o del debito).

La costruzione del nemico, ovvero come diventai filo-cinese

Sin dai primi anni dell’adolescenza per motivi geografici mi ritrovai a parteggiare per quella parte di società che si identifica come “sinistra“. In principio, in modo confuso, poi in modo sempre più sistematico. Dopo un’iniziale invaghimento per la Cuba castrista e il Vietnam, mi spostai lentamente, ma in modo sempre più marcato verso la scuola di Francoforte (in particolare Marcuse) e poi verso i francesi (Foucault, Deleuze, Lacan…).

Avevo spostato la mia attenzione dalla rivoluzione socialista alla teoria critica e piano piano ero diventato attento solo alle parole. La mia fortuna fu la voglia di andare oltre nel lavoro di critica, se si deve criticare tutto, va criticata la teoria critica stessa e se si deve dubitare di tutto, si deve dubitare anche di una visione colonialista ed etnocentrica che ci impone di valutare i sistemi politici altrui con il nostro metro. Pian piano cominciai a dubitare di tutto.

Tempo dopo mi imbattei (quasi casualmente, a dire il vero) in una conferenza online sulla via cinese al socialismo. La cosa mi lasciò perplesso, ma anche incuriosito. Come la maggior parte degli occidentali “di sinistra” – in realtà “liberali di sinistra” al massimo, avrei capito dopo – davo per scontato che la Cina avesse abbandonato il socialismo decenni prima, nel lontano 1979 con l’apertura di Deng al mercato. Sposando la linea ortodossa dei comunisti occidentali (che il comunismo non lo hai mai sperimentato concretamente, non a caso) vedevo il binomio: mercato – socialismo come inconciliabile. Il modello rimaneva l’URSS e imbevuto (inconsapevole) di propaganda NATO non avevo mai fatto una reale critica alla caduta del blocco sovietico. L’analisi piuttosto superficiale che facevo era: non c’erano diritti, le code per comprare le scarpe; “Ma poi l’URSS non avrebbe comunque potuto reggere la globalizzazione (o forse sarebbe stato bene pensare il contrario), come si sarebbe posta l’URSS con i migranti o con internet?” La cosa mi attanagliava e in qualche modo era comodo pensare che il paradiso perduto fosse crollato prima.

Inoltre, proprio le letture franco-tedesche di cui sopra, mi permettevano anche di guardare un po’ dall’alto in basso “gli altri“. Gli altri erano quelle persone che avevano di fatto rifiutato il socialismo sovietico per comprare scarpe, vestiti, lavatrici, per la libertà del mercato, appunto non regolabile e inconciliabile; la NEP era stato un terribile errore e il partito se ne era resa conto per tempo. Niente compromessi col capitalismo, ne dentro, ne fuori, anche a costo di non fare nessuna rivoluzione pur di rimanere puri. La purezza altro mito di cui devo ringraziare quelle simpatiche letture franco-tedesche (quasi tutti figli di Heidegger più o meno riconosciuti) e quel mix pseudo marxista-crociano-hegeliano-cattolico che caratterizza la sedicente sinistra italiana (in sostanza, i giovani ribelli che finiranno a votare il PD e a raccontare a nipoti divertiti che loro ci credevano veramente che stavano facendo qualcosa di utile per il mondo).

Ma torniamo, a me: mi crogiolavo in questo mix di nichilismo anarcoide, quando appunto incappai in questo seminario sul socialismo di mercato. Per fortuna, mi approcciai in modo critico e dico per fortuna, perché davo per scontato che tutto ciò che avevo sentito dire sulla Cina, dai media ufficiali, fosse falso; finalmente, potevo sentire un’altra campana.

L’incontro fu folgorante, un lampo nella mente. Non avevo capito niente.

Il marxismo è prassi. Il marxismo è costruzione scientifica di teoria e pratica socialiste, adattandosi alle specifiche situazioni sociali, economiche e politiche del luogo. La Cina aveva salvato oltre 900 milioni di persone dalla fame in 20 anni; investiva pesantemente in fonti rinnovabili, ferrovie ad alta velocità, esplorazione spaziale, ricerca scientifica, nel futuro; le leggi sulla corruzione erano pesantissime, in particolare lo erano per i membri del partito, da cui si pretende una morale specchiata. L’immagine di un paese inquinato, sovrappopolato, in mano a una dittatura sanguinaria, con fabbriche piene di schiavi, un partito che aveva tradito la causa, lasciava il posto a qualcosa di nuovo.

Piano piano cominciai a studiare l’economia cinese, il socialismo di mercato, i discorsi di Deng, i dati demografici del Tibet, dello Xinjiang, i rapporti tra madrepatria ed espatriati, persino le leggi sulla proprietà e sul lavoro cinesi. Il lampo era diventato una tempesta.

Non era il mondo perfetto, probabilmente il modello non potrebbe essere trasposto in Italia e Europa in modo uguale e forse nella attuale fase di transizione è distante da quell’idea anarco-comunista finale che immagino per il mondo, ma quanto abbiamo bisogno di questo sfidante all’ordine mondiale imperialista? E quanto, invece, un mio coetaneo dello Zambia o del Pakistan o dello Sri Lanka o della Bolivia non potrebbe pensare che invece proprio quel modello è quello di cui il suo paese ha bisogno? Un partito comunista al potere e intenzionato a migliorare in ogni modo la qualità di vita della popolazione, opponendosi a poteri tradizionali e vecchi privilegi.

Poi iniziai a notare la propaganda – nemmeno troppo velata – anticinese che riempie il nostro mondo, ho deciso di aprire questo blog, ho deciso di dare il mio piccolo contributo alla pace e alla cooperazione tra popoli, ho persino deciso di mettermi a studiare cinese mandarino… Ma la storia di quanto sia stato schifato dalla propaganda occidentale è un’altra e ne parleremo in un prossimo post.

La Cina, l’Africa e la collaborazione tra pari

“Mi complimento con il governo cinese per gli investimenti in Africa. Ringrazio la Repubblica popolare cinese per aver collaborato con lo Zambia.

Imprenditori zambiani e investitori cinesi lavorano insieme per una ricchezza condivisa. Zambiani e cinesi collaborano per il reciproco vantaggio. La cooperazione Zambia-Cina crea prosperità comune.

Accolgo con favore gli investitori cinesi che lavorano nella Repubblica dello Zambia. Per favore visitate lo Zambia.

Vi ringrazio,

Anna Zgambo
Cittadino dello Zambia
Località: Lusaka.”

Il doppio standard dei giornalisti occidentali nei confronti della Cina

Quando si parla di Cina assistiamo a uno spettacolo spesso molto discutibile da parte dei nostri media. I messaggi che vengono lanciati, talvolta dalla stessa emittente televisiva, dallo stesso giornale o commentatore sono schizofrenici.

L’informazione e le definizioni cambiano in base a ciò che si vuole: se si intende dimostrare che la Repubblica Popolare è un luogo malvagio e in mano a una sanguinaria dittatura si parlerà di “regime comunista”; al contrario, se lo scopo è quello di dimostrare l’insostenibilità del socialismo, allora si dirà che la Cina è un paese “turbo-capitalista”.

Tutte e due le definizioni sono errate, secondo le analisi fornite dal Partito Comunista Cinese. La Repubblica Popolare si trova nella fase di transizione verso il socialismo, adottando quello che viene definito socialismo di mercato o socialismo con le caratteristiche cinesi.

Entrambe le definizioni per quanto ambigue e forse oscure a noi occidentali, descrivono adeguatamente la volontà del Partito. La Cina ha intrapreso, dopo la fase di respingimento dell’imperialismo straniero (nella prima metà del ‘900), il cammino verso il socialismo ma è ben consapevole di avere ancora una lunga strada davanti.

Durante il periodo di governo del Presidente Mao, il paese ha assunto il controllo dei mezzi di produzione e sradicato le antiche credenze e gli antichi stili di vita ancora legati a un passato feudale o coloniale. Alcuni tentativi di procedere più velocemente verso il socialismo, sono stati segnalati dall’amministrazione stessa come affrettati, ma come parte di un cammino. La stessa URSS cambiò più volte strategia e dovette adattarsi a diverse contingenze storiche ed economiche. Il marxismo per la sua applicazione deve essere saldo nei fatti, deve essere applicabile a diversi momenti e contesti.

Marx per primo parlò di fase di transizione al comunismo, pretendere dal Partito Comunista Cinese la realizzazione del comunismo in pochi decenni non solo è irrealistico, ma non marxista.

Le riforme introdotte in Cina, a partire dal 1978, pur potendo sembrare in Occidente come cedimenti al capitalismo e al mercato, non hanno fatto altro che velocizzare il processo di accumulazione e migliorare le condizioni di vita di milioni di persone. Questo non vuol dire che il partito ha ceduto al capitalismo, ma che capendo i vantaggi del mercato – in questa fase – ha scelto di sfruttarli. L’avanzamento produttivo, economico e tecnico della Cina, permette oggi al paese di sfidare su scala globale le potenze imperialiste e di aiutare altri paesi coloniali a stabilire nuovi rapporti commerciali e diplomatici alla pari.

Non ci sono solo queste motivazioni teoriche.

I motivi per cui la Cina è ancora un paese in transizione verso il socialismo sono:

1- Il ruolo chiave dello Stato e delle imprese pubbliche (e quindi della collettività) nell’economia è ancora determinante (è lo stato a scegliere come muovere l’economia e non il contrario).

2- Pur essendo presenti degli uomini ricchi, persino milionari e pur possedendo questi uno status social elevato, nessuno di questi può condizionare le linee politiche del Partito e del governo. Nessuna impresa privata o multinazionale è in grado di determinare, ricattare o condizionare il paese e i suoi governanti. Il governo amministra il paese (se necessario ricorrendo al mercato), ma non lo fa in nome o a favore della borghesia.

L’area del RCEP è il motore economico mondiale

Il RCEP o Partenariato Economico Globale Regionale è stato varato il 15 novembre del 2020. A più di un anno di distanza si possono tirare le somme sulla sua esistenza e sul suo peso.

I membri del partenariato sono: i paesi ASEAN, Cina, Corea del Sud e Giappone, Australia e Nuova Zelanda. Il governo indiano ha annunciato la non partecipazione al progetto nel 2019, nonostante i paesi ASEAN avessero allargato l’invito al paese.

Le particolarità del RCEP sono molte, il PIL sommato di tutti i paesi membri lo rende l’area di libero scambio con il PIL maggiore al mondo (UE inclusa); ad esso partecipano tre delle maggiori economie asiatiche (Cina, Giappone e Corea del Sud); e si tratta del primo trattato di questo tipo a cui la Repubblica Popolare Cinese ha preso parte.

Nonostante, lo spostamento dell’asse economico mondiale verso Est fosse già in corso, il RCEP è stato un elemento di velocizzazione in questo senso. Inoltre, la maggiore circolazione economica e commerciale, ad esso dovuta, ha attenuato gli effetti della pandemia di COVID-19. Il RCEP coinvolgendo vari paesi, a loro volta legati tramite altri trattati ad altre aree economiche, ha direttamente e indirettamente stimolato tutta l’economia mondiale. Proprio la pandemia e il timore di una recessione globale ha spinto i paesi partecipanti a concludere l’accordo, dopo otto anni di trattative. Il peso dell’accordo è enorme coinvolgendo paesi che sommati hanno: 2.2 miliardi di abitanti, il 30% del PIL mondiale, 27.4% del commercio mondiale, il 50% della produzione manifatturiera mondiale, il 50% della produzione automobilistica mondiale, il 70% della produzione elettronica mondiale.

Decisivo il ruolo della Repubblica Popolare Cinese al progetto, non solo per l’enorme peso del PIL o della demografia, ma anche per il grande significato storico di questa partecipazione. Paesi rivali come Australia e Nuova Zelanda (solitamente allineati a posizioni sinofobiche di Stati Uniti e Regno Unito) partecipano al fianco di paesi socialisti come Cina, Laos o Vietnam.

Gli Stati Uniti non solo non partecipano al progetto, ma si sono anche in parte fatti indietro da altri grandi accordi inerenti la stessa area (il TPP: Partenariato Trans-Pacifico). Al contrario, secondo gli analisi, Cina e Giappone sono i paesi che avranno le migliori ripercussioni dalla partecipazione all’accordo. Tra i partecipanti è previsto un generale impatto positivo su PIL, capacità di attirare investimenti e esportazioni. L’accordo pur escludendo l’agricoltura, elimina oltre l’85% dei dazi commerciali tra i paesi membri. Nonostante, possa sembrare poca cosa per otto anni di trattative e uno di applicazione, dobbiamo pensare alla grande diversità economica tra i membri: paesi molto ricchi, paesi intermedi e paesi poveri, tutti con esigenze specifiche.

Il peso della Cina nell’accordo è dato anche dagli stretti rapporti tra la Repubblica Popolare e i paesi ASEAN (di cui la Cina è diventata nel 2020, il maggior partner commerciale). I benefici sono comunque regionali: i paesi ASEAN avranno un più facile accesso agli investimenti di Giappone e Corea del Sud, i quali troveranno sbocchi finanziari proprio nell’area; Australia e Nuova Zelanda si aprono a nuovi mercati, specie dopo il periodo di ritiro dal Pacifico della presidenza Trump e i rischi legati alla pandemia.