Se la guerra rischia di diventare uno scacco matto per la NATO

La guerra in Ucraina sta velocizzando dinamiche che fino a poche settimane fa sembravano solo in potenza.

Gli Stati Uniti stanno tentando di reagire violentemente (e la propaganda martellante lo conferma) alla tendenza storica di un mondo multipolare. Al contempo, vedendo alto il rischio di isolamento globale stanno cercando in ogni modo di riallacciare i rapporti con paesi produttori di petrolio (Venezuela e Iran) dopo anni di minacce e prevaricazioni. L’Europa (geografica e non l’Unione Europea) sembra la vittima sacrificale di questo tentativo quasi disperato di respingere le nuove potenze. Le sanzioni alla Russia isolano l’Unione Europea (e i vicini, come la Svizzera) economicamente, energeticamente e politicamente, dalla Russia, dalla sfera ex sovietica e dall’Asia. L’Europa diventa la vera economia chiusa, in balia della propaganda, in crisi demografica e politica, con la guerra alle porte, povera di risorse e piena di debiti. La dipendenza europea dagli Stati Uniti, se queste condizioni dovessero perdurare, è completa e inevitabile.

Al contempo, il tentativo degli USA di coinvolgere la Cina (con scarso esito) nella condanna alla Russia, mostra anche la fragilità del tentativo unipolare.

Gli Stati Uniti non possono farcela da soli, se India, Iran, Pakistan e Cina non condannano in modo netto la Russia, le sanzioni rischiano di fare molto meno male di quanto avrebbero potuto.

Si arriva qui alla vera sorpresa: Pakistan e India, in modi molto differenti stanno avendo un atteggiamento molto meno ostile verso la Russia rispetto a quanto desiderato dagli occidentali. Il rischio che il blocco del subcontinente (sempre diviso e conflittuale) subisca il richiamo della collaborazione inter-asiatica è reale.

Tutti i progetti di integrazione regionale in Asia stanno procedendo spediti. L’Iran, proprio in questi giorni, sta rinsaldando la propria vicinanza alla Russia; così come la Siria.

India e Pakistan che per estensione, nucleare e demografia sono già delle aspiranti potenze, nonostante le loro storiche divisioni, iniziano a risentire del richiamo geopolitico delle organizzazioni regionali. Anche i paesi ASEAN stanno lentamente subendo questo richiamo.

Il nucleo duro Russia, Cina e Iran può diventare il cuore di un centro di gravità geopolitico attorno a cui si ritroveranno alcuni paesi asiatici o dell’ex blocco sovietico.

La partecipazione dell’India, ancora più che il Pakistan, a un progetto simile non potrebbe che concludere il quadrato.

La sfida asiatica al futuro è aperta e la collaborazione sembra prevalere sul conflitto.

La collaborazione con Cina e Russia per uscire dalla folle competizione tra stati e persone che è il capitalismo

L’Unione Europea si muove come braccio economico della NATO, nel farlo cerca di giocare sul doppio binario della partnership economica con la Cina e la Russia, pur restando saldamente ancorata militarmente agli Stati Uniti d’America.

Con una strategia non troppo segreta e neanche troppo pratica, l’Ue prova a continuare ad avere gas russo e accesso al mercato cinese, pur condannando quei paesi e le scelte politiche di quelle popolazioni. L’Unione Europea mostra l’uso strumentale di grandi ideali come la democrazia e i diritti umani, al solo scopo di espandere l’impero capitalista. L’aspettativa errata è che in nome di precedenti storici (dati forse dal passato colonialismo e dalla supremazia detenuta dal continente nei secoli passati) i paesi non europei, in particolare la Cina e l’Africa, siano costrette ad accettare le ingerenze politiche, le condanne politiche (spesso basate su propaganda occidentale) e a continuare a far fare buoni affari alle industrie e alle imprese europee. Una sorta di sudditanza morale dovrebbe costringere questi paesi a sottostare.

L’Unione Europea non valuta, invece, che il mondo è cambiato. Il paradigma post-industriale e il neoliberismo hanno distrutto il tessuto sociale dei paesi occidentali, impoverito intere generazioni e tolto fiducia nelle istituzioni; tutto questo mentre la crisi economica e quella ecologica fanno sentire tutto il loro peso. I paesi occidentali vivono molto al di sopra delle proprie possibilità e la concorrenza ad ogni costo, ha spostato il peso economico mondiale verso altri paesi detentori reali di materie prime o produttori di beni.

Mentre la Cina creava una rete di rapporti diplomatici, basati sulla parità e la collaborazione; le NATO ha passato gli ultimi tre decenni a inimicarsi un’intera parte di mondo (l’area arabo-islamica) bombardando l’Iraq nella Prima Guerra del Golfo; deteriorando i rapporti diplomatici con paesi come Siria, Sudan e Libia per decenni; bombardando e occupando l’Afghanistan; poi l’Iraq con le presunte armi di distruzioni di massa mai rinvenute; finanziando rivoluzioni colorate in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente; bombardando e facendo cadere nel caos la Libia; distruggendo lo stato siriano nel tentativo di allontanare i russi e facendo, quindi, sorgere l’ISIS; adottando una retorica su Islam e migrazioni nelle tv e nel dibattito politico para-fascista; tutto questo senza calcolare la linea politica su temi decennali come IsraelePalestina o l’Iran sciita.

Dopo il crollo del socialismo reale e dell’URSS, il nuovo avversario era l’Islam, ora spenti i riflettori dei media sulle religioni si torna a parlare di Russia e Cina come i grandi antagonisti. Questo è il dibattito pubblico occidentale, la grande proposta di futuro.

A dispetto della propaganda che ci mostra un futuro dove lavoreremo da casa, in famiglie felici, con bambini biondi che vanno a scuola a piedi in grandi vialoni soleggiati riparati da folti alberi verdi. Il capitalismo ci sta vendendo una società dove lavoreremo in modo intermittente e precario da casa, in case anguste che non possiamo permetterci di scaldare e in cui il lavoro via internet non ha alcuna tutela e o limitazione legale, come galline negli allevamenti intesivi lavoreremo al massimo del nostro potenziale; ben pochi potranno permettersi dei figli e avranno un’educazione sentimentale e una situazione economica che permetta la tanto attesa famigliola felice (le pubblicità non fanno altro che dirci che famiglia, casa e posto fisso sono una rottura di palle…), tutto questo mentre le nostre metropoli inquinate con alberi asfittici e cieli grigi, congestionate dal traffico di automobili e monopattini diventano sempre più invivibili, impersonali, al di fuori dello spazio e della storia, senza un passato e quindi senza un futuro.

In questa prospettiva solo la collaborazione con altri paesi, altri modelli e l’accettazione della pluralità ci permetterà di uscire dalla situazione in cui viviamo e in cui rischiamo di vivere in futuro. La Cina e la Russia sono i nostri naturali alleati in questa prospettiva fatta di emozioni ed aspettative tristi e in cui tutto il nostro immaginario ruota attorno a desideri manipolati e manipolabili.

Come sarebbe una politica estera turca post-Erdoğan? – War on the Rocks

“In un mondo sempre più multipolare, il governo del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) ha migliorato le sue relazioni con paesi come Russia, Iran e Cina. E, quando i suoi interessi si sono discostati da quelli dei suoi alleati della NATO e dell’UE, la Turchia ha intrapreso iniziative diplomatiche e militari unilaterali come l’adesione al meccanismo di Astana insieme a Russia e Iran o la propria esplorazione energetica nelle acque contese del Mediterraneo orientale.

Per i politici turchi, la gestione da parte di Washington della guerra civile siriana ha esemplificato il passaggio a un mondo più multipolare. L’incapacità del presidente Barack Obama di aderire alla linea rossa delle armi chimiche in Siria è stata una grande delusione per la Turchia. Significativamente, Ankara ha avviato negoziati con una società di difesa cinese per un sistema missilistico FD-2000 sulla scia della decisione di Obama del 2013, mentre Erdoğan ha anche ribadito il suo desiderio di entrare a far parte dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai”

https://warontherocks.com/2021/12/what-would-a-post-erdogan-turkish-foreign-policy-look-like/

Le minoranze cinesi storiche

La presenza di comunità mercantili cinesi presso altri paesi asiatici è molto antica.

Testimonianze storiografiche arabe riferiscono la presenza di mercanti nell’odierno Iraq, già nel VII secolo d.C.

Il fenomeno migratorio assunse maggiore importanza tra il 1000 e il 1400 dell’era volgare. Quando intere famiglie si spostarono verso l’Indocina, Giava, Sumatra e le Filippine. Molti emigrati erano uomini che una volta giunti nel nuovo paese, sposavano donne locali con cui avevano dei figli. Recenti studi incoraggiati proprio dalle autorità politiche, stanno scoprendo legami genetici anche lungo le coste dell’Africa Orientale e Meridionale.

I marinai e i mercanti cinesi sposavano donne locali e continuando a viaggiare avevano modo di mantenere un qualche contatto con la madrepatria e la comunità cinese espatriata in generale. Durante il periodo della dinastia Ming (1368-1644), la Cina sviluppò una fitta rete commerciale e diplomatica che riguardava particolarmente i paesi adiacenti. Molti inviati cinesi rimanevano nel nuovo paese, in alcuni casi cambiando religione (nella moderna Indonesia, alcuni si convertirono all’Islam). L’attività diplomatica e marinara di Zheng He (che approfondiremo in futuro) è emblema della proiezione oceanica cinese.

L’emigrazione verso l’Indocina e, in particolare verso la moderna Cambogia, ebbe un incremento specifico nel periodo di crisi della dinastia Ming, quando molti uomini fuggirono in cerca di maggiore stabilità e migliori possibilità.

Una nuova ondata migratoria si ebbe attorno alla metà dell’Ottocento, quando la Cina entrò in una fase di declino, associata a carestia e instabilità politica. La situazione economica e sociale spinse molti uomini a cercare lavoro prima nelle colonie britanniche dove venivano arruolati per lavori pesanti (in sostituzione degli schiavi) e nella seconda metà dell’800 anche ad emigrare sulla costa pacifica degli Stati Uniti d’America, dove la comunità cinese fu molto attiva nella febbre dell’oro.

Bisogna specificare, che nell’espressione “cinesi dell’oltremare” ricadano anche le persone di etnie minoritarie della Repubblica Popolare Cinese (tibetani, uiguri, ecc.).

Normalmente, in lingua cinese si tende a non considerare una persona appartenente al popolo cinese in base alla nazionalità, ma in base all’etnia di provenienza. Queste ondate migratorie furono così significative che oggi le minoranze cinesi sono culturalmente influenti in molti paesi limitrofi: basti pensare a Singapore, dove la maggioranza della popolazione è di origine cinese.

Questa storia migratoria ci mostra come, già dal 1400, nonostante la Cina si dedicasse all’esplorazione e al commercio, non tentò mai di colonizzare gli altri popoli. Solo oggi stiamo scoprendo il contributo, anche genetico, lasciato dai mercanti cinesi sulle coste dell’Africa Orientale, ma non siamo a conoscenza di nessun tentativo coloniale nell’area.

Questo è il modello dei rapporti Cina-Mondo: non la tendenza a colonizzare e sfruttare, ma quella a cooperare e imparare reciprocamente, creando una società multi-etnica e coesa, aperta e mirante a costruire un futuro comune nella diversità.

La Cina e lo Xinjiang: storia di un successo

I dati forniti dalle autorità cinesi del 26 settembre 2021, smentiscono completamente le fonti occidentali sullo Xinjiang.

In particolare, si fa riferimento alla crescita demografica, economica e dello sviluppo umano, avvenuta nella regione negli ultimi decenni.

Dalla nascita della Repubblica Popolare Cinese, la popolazione nella regione è raddoppiata, così come è raddoppiata l’aspettativa di vita. Sono state tenute campagne di alfabetizzazione e razionalizzazione economica e molti volontari sono partiti da altre regioni della Cina per supportare le aree meno avvantaggiate.

Questo arrivo di personale (spesso qualificato e motivato) non deve far pensare a un’invasione di cittadini di etnia han, quanto a una pacifica e multiculturale coesistenza.

La regione dello Xinjiang ha visto aumentare il numero di cittadini di etnia uigura e le minoranze linguistiche (con diritto allo studio conseguente) sono ampiamente tutelate. Nella vasta regione, convivono non solo uiguri, ma anche kazaki, mongoli e altri gruppi etnici minori. La possibilità di conservare le proprie usanze e tradizioni, affiancandole allo sviluppo delle esigenze della Repubblica Popolare, è lo scopo principale della politica del P.C.C.

L’istruzione nelle lingue delle minoranze è garantita e il processo di urbanizzazione viene condotto in base alle esigenze specifiche delle comunità. Alcuni gruppi etnici optano per una maggiore compattezza etnica, creando propri quartieri; altri invece preferiscono mescolarsi con gli altri gruppi etnici presenti, sentendosi già sufficientemente tutelati dalle cautele che la Costituzione impone nei confronti delle minoranze.

Pratiche descritte dalla propaganda occidentale, come la sterilizzazione forzata delle donne uigure, sono facilmente dimostrate come false dai numeri assoluti e dall’esenzione delle minoranze dalla politica del figlio unico, finché questa è rimasta in vigore.

La costruzione di nuove infrastrutture (ferrovie e autostrade), affiancate ai miglioramenti nell’agricoltura, alla costruzione di scuole, istituti di cultura e ospedali, ha migliorato non solo in termini quantitativi, ma anche qualitativi, la vita tanto dei cittadini uiguri, han e di qualsiasi altro gruppo etnico.

La stampa occidentale fa spesso riferimento a campi di lavoro forzato o centri di detenzione contro la minoranza islamica. La Cina risponde sempre che sul proprio territorio non sono presenti campi di concentramento e che le autorità cinesi non hanno sviluppato nulla di simile a Guantanamo per detenere i terroristi islamici (presenti nella regione). Riguardo il fondamentalismo islamista, le autorità cinesi si sono limitate ad applicare un programma di de-radicalizzazione appoggiato in sede internazionale da svariati paesi musulmani.

Basta uscire dal circolo dell’informazione occidentale, per scoprire una situazione più complessa nello Xinjiang e che non può essere indicata come “bianco o nero”, ma con tante sfumature, purché si tenga sempre conto dei dati reali e dell’incontestabile miglioramento di vita avuto da tutti i cittadini che vivono nella regione.