Troppi pretendenti al ballo per Cenerentola Kazakistan?

Il Kazakistan è una delle cerniere del mondo odierno, uno dei luoghi nei quali si deciderà il futuro del mondo.

1- Il paese è al centro della BRI, l’iniziativa cinese della nuova via della seta. Non confrontabile per ruolo nel progetto con il Pakistan o l’Iran, ma comunque geograficamente focale, per la posizione in Asia Centrale. La situazione taiwanese e la rivalità con gli Stati Uniti nell’Oceano Pacifico e Indiano, rendono vitali le rotte terrestri per i progetti cinesi.

2- Dal Kazakistan arriva oltre il 40% dell’uranio mondiale, la metà dell’uranio del paese confluisce in Cina il maggiore mercato importatore del prezioso minerale.

3- Il paese è genericamente ricco di risorse minerarie di ogni tipo. Il Kazakistan possiede circa il 60% delle risorse che un tempo appartenevano all’Unione Sovietica (è il quarto produttore mondiale di rame, il 10% del ferro mondiale e via discorrendo).

4- Dopo la fuga dei minatori di bitcoin dalla Repubblica Popolare è stata proprio la repubblica centro-asiatica ad accogliere i transfughi. Lo scarso costo dell’energia elettrica ha attirato gli scavatori di criptomonete.

5- Infine, il Kazakistan è parte significativa di Heartland, il cuore della terra, teorizzato da Mackinder, nel 1904, in contrapposizione alla tassalocrazia anglo-americana. Il riferimento geopolitico può sembrare poco attuale, eppure negli Stati Uniti qualcuno ancora lo legge e vi basa la propria politica nei confronti della Russia, della Cina, dell’Asia e dell’Europa.

Le teorie più diffuse riguardano tre principali opzionio:

1- Una rivoluzione colorata sullo stile Ucraina: la presenza della ONG NED (National Endowment for Democracy) notoriamente finanziata dagli Stati Uniti e legata ad attività di destabilizzazione di paesi rivali e l’apparente addestramento dei rivoltosi (questi si sono mobilitati nelle stesse ore, in molti luoghi diversi, prendendo armi e occupando zone strategiche).

Allo stesso filone, quello dell’ingerenza straniera, seppur in formule diverse, pare che puntino i media cinesi, riferendo di infiltrazioni di fondamentalismo islamico tra i rivoltosi.

2- Un’operazione interna russa con o senza Cina per sistemare la regione una volta per tutte. Il leader del paese Toqaev ha richiesto l’invio di forze militare dai membri dell’Organizzazione di Sicurezza (composta da ex repubbliche sovietiche e in cui, per ovvi motivi, il principale esponente è la Russia), richiesta accolta con un dispiegamento di militari. A supporto di questa teoria, i media locali e russi hanno parlato di ruolo straniero, ma non è escludibile che la Russia (ed eventualmente la Cina) abbiano cercato di fare ordine nel vicinato, allineando tutta la gerarchia di un paese che in parte tentava di tenere una linea di equilibrismo.

3- Non escludibile, ma al momento ipotesi meno discussa: che dietro le rivolte non ci sia un manovratore occulto, ma che il banale innalzamento del costo dell’energia abbia spinto le persone ad organizzarsi e scendere in piazza. Il rasoio di Occam ci porterebbe ad appoggiare questa teoria, ma le troppe prove in senso contrario e le dichiarazioni ufficiali lasciano presagire molto altro.

Al momento (anche a fronte degli arresti tra i militari e i servizi segreti) sembra che il regime rimarrà in piedi. L’intervento di 5.000 soldati (di cui 2.500 russi) da parte dei paesi ex sovietici, sembra un rimedio omeopatico, ma in realtà è un messaggio chiaro e forte: i russi intendono appoggiare il governo, intendono restare e non vogliono intrusioni (reali o presunte) nel vicinato. Il governo se sopravvissuto avrà con Mosca un debito non indifferente.

Il ruolo della Cina non sarà minore. Pechino ha annunciato supporto al governo kazako e gli investitori cinesi hanno rassicurato sulla continuità e la stabilità dei propri servizi.

Gli Stati Uniti hanno vagheggiato parole, condanne, proposte, ma dopo la fuga afghana l’idea di un coinvolgimento centro-asiatico sembra improbabile.

Che lo stallo continui? Lo stato crolli e si divida in tante bande in guerra tra loro? Che il paese possa ucrainizzarsi?

Troppi gli interessi in ballo, troppo coinvolta la Cina e troppe le risorse sul territorio per pensare a un caos prolungato, specie se i rivali occidentali non intendono impegnarsi seriamente. Al momento, il Kazakistan sembra solo l’ennesimo dossier destinato a infastidire Putin o ad essere magari una mela avvelenata della NATO per dividere i due partner Cina – Russia, in attesa degli incontri sull’Ucraina; se così fosse, al momento, il frutto avvelenato sembra non essere stato colto.

Non ci rimane che aspettare il proseguire dei giorni e guardare con attenzione cosa accadrà a un paese così poco approfondito sui nostri media, eppure così centrale nel futuro di tutti noi.

La collaborazione con Cina e Russia per uscire dalla folle competizione tra stati e persone che è il capitalismo

L’Unione Europea si muove come braccio economico della NATO, nel farlo cerca di giocare sul doppio binario della partnership economica con la Cina e la Russia, pur restando saldamente ancorata militarmente agli Stati Uniti d’America.

Con una strategia non troppo segreta e neanche troppo pratica, l’Ue prova a continuare ad avere gas russo e accesso al mercato cinese, pur condannando quei paesi e le scelte politiche di quelle popolazioni. L’Unione Europea mostra l’uso strumentale di grandi ideali come la democrazia e i diritti umani, al solo scopo di espandere l’impero capitalista. L’aspettativa errata è che in nome di precedenti storici (dati forse dal passato colonialismo e dalla supremazia detenuta dal continente nei secoli passati) i paesi non europei, in particolare la Cina e l’Africa, siano costrette ad accettare le ingerenze politiche, le condanne politiche (spesso basate su propaganda occidentale) e a continuare a far fare buoni affari alle industrie e alle imprese europee. Una sorta di sudditanza morale dovrebbe costringere questi paesi a sottostare.

L’Unione Europea non valuta, invece, che il mondo è cambiato. Il paradigma post-industriale e il neoliberismo hanno distrutto il tessuto sociale dei paesi occidentali, impoverito intere generazioni e tolto fiducia nelle istituzioni; tutto questo mentre la crisi economica e quella ecologica fanno sentire tutto il loro peso. I paesi occidentali vivono molto al di sopra delle proprie possibilità e la concorrenza ad ogni costo, ha spostato il peso economico mondiale verso altri paesi detentori reali di materie prime o produttori di beni.

Mentre la Cina creava una rete di rapporti diplomatici, basati sulla parità e la collaborazione; le NATO ha passato gli ultimi tre decenni a inimicarsi un’intera parte di mondo (l’area arabo-islamica) bombardando l’Iraq nella Prima Guerra del Golfo; deteriorando i rapporti diplomatici con paesi come Siria, Sudan e Libia per decenni; bombardando e occupando l’Afghanistan; poi l’Iraq con le presunte armi di distruzioni di massa mai rinvenute; finanziando rivoluzioni colorate in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente; bombardando e facendo cadere nel caos la Libia; distruggendo lo stato siriano nel tentativo di allontanare i russi e facendo, quindi, sorgere l’ISIS; adottando una retorica su Islam e migrazioni nelle tv e nel dibattito politico para-fascista; tutto questo senza calcolare la linea politica su temi decennali come IsraelePalestina o l’Iran sciita.

Dopo il crollo del socialismo reale e dell’URSS, il nuovo avversario era l’Islam, ora spenti i riflettori dei media sulle religioni si torna a parlare di Russia e Cina come i grandi antagonisti. Questo è il dibattito pubblico occidentale, la grande proposta di futuro.

A dispetto della propaganda che ci mostra un futuro dove lavoreremo da casa, in famiglie felici, con bambini biondi che vanno a scuola a piedi in grandi vialoni soleggiati riparati da folti alberi verdi. Il capitalismo ci sta vendendo una società dove lavoreremo in modo intermittente e precario da casa, in case anguste che non possiamo permetterci di scaldare e in cui il lavoro via internet non ha alcuna tutela e o limitazione legale, come galline negli allevamenti intesivi lavoreremo al massimo del nostro potenziale; ben pochi potranno permettersi dei figli e avranno un’educazione sentimentale e una situazione economica che permetta la tanto attesa famigliola felice (le pubblicità non fanno altro che dirci che famiglia, casa e posto fisso sono una rottura di palle…), tutto questo mentre le nostre metropoli inquinate con alberi asfittici e cieli grigi, congestionate dal traffico di automobili e monopattini diventano sempre più invivibili, impersonali, al di fuori dello spazio e della storia, senza un passato e quindi senza un futuro.

In questa prospettiva solo la collaborazione con altri paesi, altri modelli e l’accettazione della pluralità ci permetterà di uscire dalla situazione in cui viviamo e in cui rischiamo di vivere in futuro. La Cina e la Russia sono i nostri naturali alleati in questa prospettiva fatta di emozioni ed aspettative tristi e in cui tutto il nostro immaginario ruota attorno a desideri manipolati e manipolabili.

Perché la Cina è un modello positivo a livello globale

La Repubblica Popolare Cinese rappresenta un modello di sviluppo positivo per il mondo, nonostante (e soprattutto per) la propaganda occidentale.

La Repubblica Popolare mostra a paesi non europei un modello di sviluppo alternativo a quello occidentale. L’area estremo orientale (Cina, Corea del Sud, Giappone, Singapore) mostra come una serie di caratteristiche permettano anche ai paesi non di cultura occidentale l’uscita dalla povertà e dal colonialismo culturale dell’OCSE.

Il Giappone, avendo sposato più di un secolo fa, tutte le soluzioni proposte dall’Occidente e utilizzato questo potenziale per diventare a sua volta potenza coloniale prima e durante la II Guerra Mondiale è in parte escluso da questa valutazione.

Ad oggi, la Cina mostra non solo un modello di sviluppo per i più poveri della Terra, ma anche una via di uscita al liberalismo occidentale che ammantandosi di parole come democrazie e diritti copre un sistema sociale ingiusto e sempre più chiuso su se stesso.

La Cina ci ricorda che, nonostante il nichilismo abbia preso a un certo punto il sopravvento nella storia di Europa (e derivati), questo non è accaduto in modo uniforme in tutto il mondo.

La storia non è finita nel 1994, come predicevano gli alfieri del liberalismo classico. La democrazia degli Stati Uniti d’America non è destinata a governare indiscussa tutto il mondo, il capitalismo e un certo rapporto con la natura e con la tecnica, con il corpo o con il sacro non saranno il destino comune di tutta l’umanità.

Dopo una grande ubriacatura ideologica collettiva ci siamo risvegliati in un mondo diverso, costruito sui debiti e sullo sfruttamento, in cui le generazioni successive vivranno peggio delle precedenti, in cui l’ecosistema non è più in grado di rimpiazzare le risorse che stiamo distruggendo voracemente.

La cultura del tutto e subito, la cultura della libertà data dal denaro (e solo da quello), la cultura del lavoro salariato e alienato, ha preso il sopravvento su settori sempre più grandi di popolazione europea e nordamericana, proprio mentre i media ci raccontavano un mondo fatto di conoscenza, fibra ottica, nomadi digitali. Ci spacciavano la libertà della new economy e si dimenticavano di dirci che sempre più persone restavano a casa senza un lavoro, senza un contratto, senza un posto fisso. Piano piano, tutto questo è stato fatto passare come noioso o non necessario, dimenticando di dire che l’essere umano è un animale gregario e che vive in comunità, che alleva i propri cuccioli per anni: che per vivere, essere sereni e prosperare abbiamo bisogno di certezze e organizzazione sociale, di libertà e creatività, ma anche di un gruppo coeso e che preveda degli strumenti di tutela sociale per tutti.

L’essere umano non è il capitalismo, l’essere umano non è la lotta e la sopravvivenza del più forte, questa è una mitologia spacciata dai ricchi negli ultimi cento anni come “verità”; l’essere umano è un animale cooperativo, gregario e sociale che cura i piccoli, gli ammalati, i deboli e gli anziani del gruppo. Questo ci rende felici e ci ha reso intelligenti evolutivamente.

Come sarebbe una politica estera turca post-Erdoğan? – War on the Rocks

“In un mondo sempre più multipolare, il governo del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) ha migliorato le sue relazioni con paesi come Russia, Iran e Cina. E, quando i suoi interessi si sono discostati da quelli dei suoi alleati della NATO e dell’UE, la Turchia ha intrapreso iniziative diplomatiche e militari unilaterali come l’adesione al meccanismo di Astana insieme a Russia e Iran o la propria esplorazione energetica nelle acque contese del Mediterraneo orientale.

Per i politici turchi, la gestione da parte di Washington della guerra civile siriana ha esemplificato il passaggio a un mondo più multipolare. L’incapacità del presidente Barack Obama di aderire alla linea rossa delle armi chimiche in Siria è stata una grande delusione per la Turchia. Significativamente, Ankara ha avviato negoziati con una società di difesa cinese per un sistema missilistico FD-2000 sulla scia della decisione di Obama del 2013, mentre Erdoğan ha anche ribadito il suo desiderio di entrare a far parte dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai”

https://warontherocks.com/2021/12/what-would-a-post-erdogan-turkish-foreign-policy-look-like/

La Cina punta all’indipendenza per la produzione di chip

Dopo la crisi internazionale della produzione di chip che ha caratterizzato il 2021, la Repubblica Popolare punta all’indipendenza produttiva.

Grazie alla collaborazione con le proprie grandi aziende interne, si punta ad essere completamente autosufficienti rispetto al resto del mondo entro il 2030, evitando così il ripetersi dei problemi dell’anno passato.

Le aziende incaricate sono Alibaba, Tencent e Xiaomi. I grandi della tecnologia e dell’informatica scendono in campo affianco il governo per l’indipendenza nazionale.

Per raggiungere questo risultato, le aziende e il governo dovranno investire nella lavorazione dei semi-conduttori, materiali decisivi per la costruzione di nuovi chip.

La mancanza di chip rallenta la produzione di tecnologie di ogni tipo, dagli smartphone, ai PC, ai tablet fino alle automobili, settore particolarmente caro ai programmi di sviluppo cinesi.

La Cina programma altre tre missioni lunari entro fine decennio

La Cina programma altre missioni lunari entro fine decennio.

https://www-space-com.cdn.ampproject.org/v/s/www.space.com/amp/china-upcoming-moon-missions-details?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&usqp=mq331AQIKAGwASCAAgM%3D#aoh=16408801007314&csi=1&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.space.com%2Fchina-upcoming-moon-missions-details

La politica spaziale cinese è (già) il futuro

Mentre i giornalisti, i militari e gli scienziati di Europa e Nord America parlano di ritorno alla corsa allo spazio, Guerra Fredda, trappola di Tucidide, di corsa allo spazio asiatica (argomento che affronteremo in futuro più nel dettaglio), l’agenzia spaziale cinese macina risultati.

Nel 2007, Chang’e 1 raggiunse e mappò la superficie lunare; risultato raggiunto e migliorato nel 2010 da Chang’e 2.

A partire dal 2013 sono iniziate le missioni di atterraggio con rover (robot mobili): la Chang’e 3 fece atterrare il rover Yutu che esplorò un’area di circa tre chilometri. Nel 2018, fu la volta di Chang’e 4 che nel 2019 fece atterrare il rover Yutu-2, sul bacino di Aitken presso il Polo Sud del lato nascosto lunare. Il livello tecnologico e la complessità di questo atterraggio non hanno nulla da invidiare al far mettere piede ad un essere umano sulla Luna.

Gli Stati Uniti sono concentrati su gesti plateali per far sentire i propri cittadini parte di un progetto in un modello ingiusto e basato sullo sfruttamento della maggioranza della popolazione. Al contrario, la Repubblica Popolare Cinese si concentra su missioni meno appariscenti, forse più economiche, ma dal grande valore scientifico.

Yutu-2 la cui vita avrebbe dovuto essere di pochi mesi, è ancora attivo e fornisce immagini dettagliate.

Il 23 luglio 2020, su un razzo Lunga Marcia è partita anche Tianwen-1: la prima spedizione che prevede la tripla presenza di un orbiter (satellite in ordita attorno al pianeta), lander (sonda statica), rover (robot capace di muoversi nell’ambiente). La Cina è riuscita ad atterrare su Marte al primo tentativo.

Inoltre, dopo gli esperimenti delle sonde Tiangong-1 e Tiangong-2, nel 2021 è stato avviata Tiangong-3: la prima stazione spaziale permanente cinese con taikonauti (il nome degli astronauti/cosmonauti cinesi). I primi tre a mettere piede sulla modernissima stazione spaziale sono arrivati nel giugno del 2021, ad oggi hanno già eseguito due passeggiate spaziali.

L’agenzia spaziale cinese programma, inoltre, il lancio di una missione per atterrare e prelevare materiale da un asteroide; due missioni per analizzare i giganti esterni del nostro Sistema Solare (Urano e Nettuno) e una missione da inviare, entro la metà del secolo, ai confini del Sistema Solare.

Attorno al 2030, inoltre, è prevista la creazione di una stazione lunare robotica in collaborazione con la Russia.

Gli Stati Uniti, oltre ad aver interrotto ogni collaborazione con l’agenzia cinese, sono fortemente in ritardo con il programma lunare. Per quanto riguarda Marte, gli USA sembrano aver affidato ai miliardari e alle serie tv, il ruolo di divulgazione e esplorazione.